Recensione de “Il gene egoista” di Richard Dawkins

Recensione de

Recensione

Il gene egoista è un libro a dir poco splendido.

Dopo averlo letto non si può non vedere il mondo sotto una luce nuova. Una visione che è al tempo stesso eccitante e sconcertante. L’autore ha un modo molto limpido, provocante e scorrevole di comunicare le sue opinioni e le sue ricerche al lettore. Tra una teoria e l’altra include anche dei piccoli aneddoti, che rendono estremamente accessibile questo libro. Non a caso questo libro è accessibile a chiunque ( e dovrebbe essere letto da chiunque ).

Personalmente questo è uno dei pochi libri sull’argomento che ho divorato dall’inizio alla fine senza riuscire a fermarmi. Fin dalla prima pagina, uno non può più scollarsi dal testo: questo auto-replicatori sono delle masse di materia senza cervello in grado di costruire “giganti macchine organiche”, all’interno delle quali gli auto-replicatori si replicano ( per l’appunto ) in miliardi di altre masse, protette dal mondo esterno.

La cosa interessante è che questi auto-replicatori altri non sono che il DNA e noi siamo le giganti macchine organiche ( o, come le chiama lui, “macchine della sopravvivenza ). Dawkins non si limita a esporre le sue teorie biologiche, ma anche filosofiche, che si integrano perfettamente con il testo. Perchè pensiamo in termini di “Io” e non di “Noi”? Del resto ogni essere umano è una colonia di auto-replicatori. Però perchè percepiamo solo l’individualità?

L’autore tenta di dare una risposta, sempre nell’ottica di auto-replicatori e macchine della sopravvivenza.

La parte più interessante, soprattutto per chi è interessato alla seduzione, si trova nel capitolo 9, dove si parla delle battaglie tra i sessi. Infatti, dietro molti nostri comportamenti, c’è un solo scopo di replicarsi. Per questo mettiamo in atto comportamenti, spesso inconsci, che ci spingono da una parte a trovare i migliori partner e dall’altra a ostacolare “la concorrenza”. E’ molto interessante, sia per capire più a fondo te stesso che la seduzione in generale.

Ti consiglio vivamente questo libro. Può veramente aiutarti a capire a fondo la natura umana e cosa ci spinge a fare le scelte che facciamo nella vita.

 Il mio voto: 5/5

 

Clicca qui per prendere subito questo libro.

 

Descrizione ( tratta da Wikipedia )

Il gene egoista è un saggio del biologo inglese Richard Dawkins pubblicato nel 1976. È basato sulla teoria principale espressa nel primo libro di George C. Williams, Adaptation and Natural Selection, ovvero la teoria dell’evoluzione analizzata dal punto di vista del gene anziché da quello dell’individuo. Costituisce inoltre il punto di partenza per la formulazione del concetto di meme e per la stesura del suo successivo saggio, Il fenotipo esteso. In questo saggio Dawkins espone la sua visione evoluzionistica della vita, ma identifica nel gene, anziché nell’individuo o nella specie, il soggetto della selezione naturale. Come lo stesso autore afferma, questa tesi non dev’essere considerata un’avversaria della classica teoria dell’evoluzione ma un punto di vista differente che meglio spiega i processi evolutivi.

L’opinione degli altri lettori ( riprese da IBS.it )

Fabio
Questo è IL libro. Incredibile come dopo 34 anni sia ancora così attuale…
Voto: 5 / 5

Ayaros
Un libro che dovrebbe leggere chi non ha ancora smesso di cercare una risposta al senso della vita biologica. Per chi non si accontenta dei dogmi creazionisti. Un luminoso esempio di come dare una chiave di lettura – accessibile a tutti ed allo stesso tempo straordinariamente rivoluzionaria – delle recenti conquiste nel campo della genetica. Se poi… come ha scritto qualcuno, questo rende la vita più triste da vivere… came on baby! non durerà molto.
Voto: 5 / 5

Federica
ho letto questo libro in due settimane. è sicuramente interessante ma certi capitoli mi sembrano eccessivamante lunghi (vedi quello sul dilemma del prigioniero)e certi punti un pò troppo argomentati.in alcuni momenti stavo quasi per perdere il filo del discorso pur avendo delle conoscenze sull’argomento trattato abbastanza buone. molto interessanti mi sono sembrate le note poste alla fine del libro.
Voto: 3 / 5

Gianni
Sono un biologo, e credetemi, quando parlo di questo libro ai biologi (italiani, finora), mi guardano con diffidenza. La verità è che questo libro ha scatenato un vero putiferio, reazioni tra l’infastidito e l’intollerante, perché da’ fastidio. Da’ fastidio sapere che non siamo altro che macchine usate dai geni egoisti per produrre altri geni egoisti, purtoppo ancora oggi in biologia prevale la teoria di Wilson, che oltre a Lewontin e Gould, ce l’anno con Dawkins perché lo considerano un riduzionista, ma ancora di più perché il libro demolisce senza appello le teorie altruistiche secondo cui un individuo fa un favore a un estraneo perché l’altruismo vince sempre. A parte il fatto che quest’ultima frase sa tanto di egoista, ma leggete il libro e vedrete (vi renderete conto che) i geni sono molto importanti, che purtroppo agiscono anche su di noi, anche se Dawkins non l’ammette mai, nei suoi libri (ma negli articoli, meno diffusi, che trovate su internet al sito di John Catatano, si capisce tutto). Il libro lo troverete rivoluzionario, assurdo, radicale e saccente, frutto di una persona che sa di avere in mano una teoria (che non sconfessa affatto il darwinismo, anzi!) che puo’ tormentare il sonno della gente. Mi rivolgo allora a voi, non del campo, psicologi, sociologi, ma soprattutto ai profani, a quelli che quando sentono “scienza” hanno la nausea, leggetelo, i biologi italiani non meritano questo libro, voi si’, ve lo giuro. P.S.: troverete nel libro anche la più (ahimé) famosa teoria dei memi, che vi affascinerà. Ciao
Voto: 5 / 5

 

Clicca qui per ordinare adesso questo libro.

 

Leave A Reply (No comments so far)

No comments yet

Autore? Blogger? Coach? Leggi qui…

Hai un blog sulla seduzione? Hai scritto un libro sulla seduzione? Fai corsi di seduzione? Clicca qui e scopri come venir promosso da questo sito senza dover spendere soldi.

Cliente? Clicca qui per fare il login e accedere ai corsi.